Uva e nient’altro.

CORTE BRAVI

Vini Naturali in Valpolicella Classica

Nel 2011 nasce Corte Bravi di Brunelli Andrea e Ivano. Siamo due fratelli legati dalla passione e la cura nella produzione dell’uva. Ci impegniamo con la stessa caparbietà nel trasformarla, per ottenere vini naturali onesti e sinceri nel rispecchiare le virtù ed i pregi del territorio che rappresentano.
Attenti custodi della bellezza che ci circonda, nel 2015 abbiamo intrapreso il percorso di certificazione biologica. I nostri figli crescono tra i vigneti che coltiviamo, ciò ci dà ancor più stimolo ed entusiasmo nel salvaguardare la nostra amata terra e questo è solo l’inizio…

La nostra sfida

Tutti i nostri vini naturali sono prodotti dalle uve che coltiviamo. Fatti con fermentazione spontanea sui loro lieviti indigeni, senza l’uso additivi chimici. Otteniamo vini con bassi solfiti o esenti che vengono messi poi in bottiglia non filtrati.

La nostra filosofia? UVA E NIENT’ALTRO!

Queste sono le nostre idee che portiamo avanti con determinazione e coraggio per darvi in bottiglia solo ed esclusivamente il frutto della nostra terra.

– Andrea Brunelli

I nostri vini

Ogni vino è unico, ha la sua personalità, il suo carattere, la sua tempra. Sullo sfondo la naturalità che li accomuna.

Scopri i nostri vini

Storia e territorio

Siamo due giovani fratelli, Andrea e Ivano Brunelli e da sempre produciamo uve di alta qualità, ricercate da aziende storiche, per metterle dà prima sulle arele, poi in cassette di legno, al fine di ottenere i vini prìncipi della nostra zona: l’Amarone e il Recioto. Nel 1990 nostro padre acquistò i terreni a Gargagnago in una piccola valle circondata dalle tenute dei conti Serego Alighieri discendenti di Dante.

Siamo nel cuore della Valpolicella Classica immersi nelle bellezze della nostra terra. Dietro di noi a nord la Lessinia, monti dai verdi pascoli. A ovest il lago di Garda, che con i suoi riflessi ci dona un clima mite. A est la zona del bianco di Soave e a sud la nostra amata Verona la culla del romanticismo, terra natale di Romeo e Giulietta.
Da qui, in queste terre, iniziamo con nostro padre a fare ciò che ci riesce meglio: coltivare con passione la terra, sistemando i muri di sasso come erano un tempo, per piantare le nostre amate vigne.

Nel 2011 nasce la Corte Bravi e da lì inizia la nostra sfida…

Dalle nostre uve certificate biologiche produciamo vini naturali. Dal 2019 facciamo parte dell’associazione Vinnatur, piccoli vignaioli artigiani come noi che si sono dati delle serie regole per poter certificare un vino come naturale, esente da prodotti chimici.

Dal 2020 siamo felici anche di dire che tutta la corrente elettrica da noi consumata è derivante da fonti rinnovabili. Il nostro impianto fotovoltaico non ci bastava e grazie a ForGreen ci viene fornita energia prodotta da altre aziende agricole locali.
Continuiamo a portare avanti queste nostre idee con determinazione pensando al futuro dei nostri figli…

 

– Andrea Brunelli

Come Lavoriamo

Coltiviamo con dedizione la terra, raccogliendone con amore i frutti. Rispettiamo l'integrità delle uve e ne esaltiamo le proprietà organolettiche con meticolosità.

1

Ogni vino nasce in inverno, dove svolgiamo le potature dei vigneti. La vite spogliata dei suoi rami rimane solo con 2 o 3 tralci. E’ lei a chiedertelo: “fammi povero e ti farò ricco”
2

All’inizio della primavera le viti si risvegliano. I tralci tagliati gocciolano come un pianto di gioia, è la linfa che dalla radici risale fino all’apice della pianta. In questa fase, alla necessità, interveniamo con concimazioni organiche o sovescio.
3

Successivamente, inizia il germogliamento: nuovi tralci nascono e portano con se i frutti per la vendemmia. Vengono eliminati quelli superflui, che andrebbero altrimenti a compromettere la pianta con un'eccessiva vigoria. Il segreto di una buona uva è esporla all’aria e al sole, ma senza che sia mai alla luce diretta.
4

In aprile iniziano i trattamenti per la protezione da due funghi antagonisti: la peronospora e l’oidio. Usiamo solo Rame e Zolfo accompagnati da una essenza a fiori di arancio che ti permette di abbassarne i quantitativi. Anche la Tignoletta, piccola farfalla che depone le uova nell’acino del grappolo, crea problemi, ma è controllata con dei feromoni che, confondendola, le impediscono di riprodursi.
5

L’estate è alle porte: l’uva ormai fiorita sta ingrossando gli acini, momento propenso per cimare i tralci in eccesso e sfogliare i grappoli per esporli meglio ad aria e sole. L’erba sotto le vigne viene lasciata crescere per fornire riparo e conforto a tutti gli insetti utili che ci aiutano nel difendere le viti.
6

Si avvicina l’autunno e l’uva in fase di invaiatura inizia ad accumulare
gli zuccheri. Qui si interviene con il diradamento sulla pianta dove sono presenti troppi grappoli, togliendo quelli meno spargoli o che presentano difetti. Verso fine settembre, inizia l’ora di raccogliere i frutti.
7

Da queste uve produciamo i vini Corte Bravi…
Scopri i nostri vini

Vino Biologico

Informazioni Generali

Società Agricola Corte Bravi S.S.
Via Case Sparse Vaioi, 8
37015 - Sant’Ambrogio di Valpolicella, VR
P. IVA 04000780231 - REA: VR - 383691

Contatti Rapidi

info@cortebravi.com
+39 349 0884720

Powered by Be.Family